×

Errore

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 222

Notizie utili

Detrazione delle spese funerarie

Per ogni evento funebre, ai fini della dichiarazione dei redditi, spetta una detrazione pari al 19% delle spese sostenute, fino ad un massimo di euro 1549,37.
Sono ammesse in detrazione le spese funerarie solamente in conseguenza della morte dei familiari compresi nell'elenco sotto indicato:

  • il coniuge;
  • i figli legittimi o legittimati o naturali o adottivi e, in loro mancanza, i discendenti prossimi, anche naturali;
  • i genitori e, in loro mancanza, gli ascendenti prossimi, anche naturali;
  • gli adottanti;
  • i generi e le nuore;
  • il suocero e la suocera;
  • i fratelli e le sorelle germani o unilaterali. 
     Non sono detraibili le spese sostenute per le concessioni di loculi e/o tombe.

Compito degli eredi.

Se il defunto era intestatario di una cartella esattoriale, relativa alla tassa per la raccolta dei rifiuti, è necessario recarsi all'Ufficio preposto per la cessazione o la trascrizione (intestazione ad altro familiare) della cartella suddetta.

Se il defunto era utente di luce, gas, acqua, telefono, per la cessazione è necessario rivolgersi alle rispettive aziende erogatrici.

Se la persona defunta possedeva beni, è necessario provvedere, entro 6 mesi dal decesso, alla denuncia di successione all'Ufficio Imposte. Se ha lasciato testamento, è invece opportuno rivolgersi ad un notaio.

Arciconfraternita
della
Misericordia
di Prato